Dedicheremo queste ultimi lezioni ad un progettino finale da portare stampato il giorno dell’esame. L’esercizio consiste nel selezionare alcune linee o figure da un’immagine di partenza a vostra scelta (fotografia, opera d’arte o disegno).  Queste linee saranno la base di partenza per disegnare degli oggetti a vostro piacere (potrebbe essere parte della sezione, o di una vista, il disegno di una curva dell’oggetto o o il profilo di una delle parti che lo compone). attraverso operazioni di estrusione, rotazione, deformazioni, tagli cercate di disegnare alcuni oggetti (almeno tre),  Oltre alle  linee di partenza potete aggiungere volumi a vostra scelta per completare le forme come credete.  I tre oggetti disegnati dovranno essere presentati ognuno con una tavola del disegno tecnico quotato (attenti alla proporzione del corpo rispetto all’oggetto) e un disegno definitivo colorato. Ultima parte della consegna sarà immaginare uno spazio (chiuso o aperto a seconda della scala in cui avete lavorato) all’interno del quale collocare gli oggetti disegnati.

il libretto conterrà quindi:

  • immagine di partenza
  • indicazione delle linee selezionate
  • schizzi progettuali con prove di volumi a partire dalle linee e definizione graduale dei progetti finali
  • disegno colorato dei 3 oggetti selezionati
  • disegni tecnici quotati degli oggetti
  • vista di insieme ambientata

 

Oggi abbiamo visto insieme alcuni trucchetti per cercare disegnare al meglio i diversi materiali colorando i disegni con matite o pantoni.
Trovare un modo per rendere le caratteristiche dei diversi materiali non è sempre cosa semplice, lo stimolo della lezione è quello di cominciare una ricerca di immagini e cercare di guardare foto e disegni in modo nuovo, sforzandoci di cercare di capire quai sono gli aspetti più importanti da trasmettere se volgiamo rendere l’idea della pietra, del legno, del metallo cromato, della plastica satinata, del vetro etc etc etc.
ecco la dispensa in formato pdf  in alta risoluzione e più leggera  (se avete problemi di rete).

rendering dei materiali

L’esercizio consiste nel provare a colorare alcuni solidi come fossero realizzati nei materiali che abbiamo visto o in altri a vostra scelta (legno, metallo, plastica, materiali trasparenti, tessuto…etc). è bene esercitarsi sia su forme squadrate che tondeggianti. non è necessario pensare al disegno potete direttamente scaricare queste 2 basi. colorate 3 tavole con tecnica a vostra scelta in modo che si capisca il materiale con cui immaginate la composizione di solidi.

base1 base2

Oggi in classe abbiamo disegnato e analizzato alcuni oggetti dal vivo.

l’esercizio, che mira come sempre a prendere dimestichezza con proporzioni e rapporti tra le forme, consiste nello studiare la forma dell’oggetto e disegnarla sul foglio avendo a disposizione un tempo piuttosto limitato per analizzarne un aspetto specifico.

vi lascio alcune immagini degli oggetti che avevo portato in classe ma per potere svolgere lìesercizio anche a caso vi consiglio di scegliere alcuni oggetti (di pari difficoltà) e ripetere l’esercizio dal vivo.

ecco l’elenco degli esercizi svolti:

– 1. / 5 min. Disegnate la vista principale dell’oggetto. si tratta di un disegno in proiezione ortogonale, state attenti alle proporzioni tra le parti, alle inclinazioni delle linee e a scegliere la vista più rappresentativa (può essere la vista frontale, orizzontale o laterale a seconda del tipo di oggetto).

– 2. / 5 min. Disegnate la vista principale di un secondo oggetto (sempre in proiezione)

– 3. / 5 min. Disegnate la vista principale di un terzo oggetto

– 4. / 10 min. Scegliete uno degli oggetti disegnati in precedenza e disegnate una seconda vista e cercate di mettere delle quote di massima (a occhio senza usare righelli o strumenti di misura)

– 5. / 5 min. Aiutandovi con un righello o un metro studiate le misure reali dell’oggetto e confrontatele con quanto avevate scritto e disegnato (magari scrivendole su una stessa tavola in un colore differente o ridisegnandola)

– 3. / 15 min. Disegnate due viste di un nuovo oggetto. ombreggiatene con il chiaroscuro una delle due.

– 6. /12 min. Disegnate un dettaglio del funzionamento di uno dei vostri oggetti (può essere un movimento, una finitura particolare un’apertura….). Usate il chiaroscuro se necessario.

– 7. /15 min. Scegliete un oggetto e cercate di disegnarlo tridimensionalmente (prospettiva o assonometria). Usate il chiaroscuro per rendere più chiara la forma

– 8. / 15 min. Immaginate di doverne costruire in un modello, il più preciso possibile, dell’oggetto che avete davanti e di avere a disposizione solo 15 minuti per studiarlo e prendere appunti (viste, dimensioni, sezioni dettagli). provate ad analizzarne la forma disegnando quante più informazioni possibili per poterlo ricostruire.

Archivi