9 gennaio 2012

Oggi vediamo come impostare il disegno di oggetti partendo da alcune immagini tratte da libri, riviste e fotografie. I primi esercizi saranno di copia di oggetti reali ma ovviamente tutto quello che impareremo è valido anche per oggetti immaginati che andremo a disegnare prossimamente.

1 – per disegnare un oggetto in assonometria o prospettiva dobbiamo immaginarlo inserito in una scatola (il parallelepipedo di riferimento), così ci sarà più facile disegnare gli ingombri principali e verificare le proporzioni tra le parti e le relazioni tra i diversi volumi.

2 – per disegnarlo in modo fedele dobbiamo studiarne le proporzioni. può essere utile disegnare una griglia che tenga conto delle distanze e relazioni tra le parti (meglio se studiate sulle proiezioni ortogonali e poi riportate sulle facce del parallelepipedo di riferimento).

3 – una volta impostato il sistema di rappresentazione (assonometrico o prospettico) si procede andando a definire i dettagli in modo sempre più specifico (come se andassimo a scolpire la scatola di riferimento aggiungendo, togliendo, scavando, smussando)

4 – per completare il disegno possono essere utili alcune regolette/nozioni su come disegnare circonferenze, su come dividere in parti uguali una superficie, su come piazzare elementi equidistanti   (tutti questi suggerimenti sono nella dispensa).

5 – una volta completato il disegno sarà necessario andarlo a ricalcare (saranno presenti infatti numerose linee di costruzione che sporcherebbero la tavola andando a colorarla) e procedere con il chiaroscuro e più avanti anche con il rendering dei materiali.

scaricate pure la dispensa sull’impostazione base della prospettiva intuitiva con i trucchetti per le realizzazioni più comuni lo speciale circonferenze  e la scheda esercizi consegnata in classe, lascio anche una dispensina specifica sul disegno di oggetti in prospettiva centrale usando il metodo dei punti di distanza.